ALTAMURA

+39 080 332 0029

FASANO

+39 O80 3323206

GRAVINA IN PUGLIA

+39 080 332 0029

Top

Come scegliere il giusto apparecchio acustico

COME SCEGLIERE IL GIUSTO APPARECCHIO ACUSTICO

In questo articolo ti guiderò nel mondo degli apparecchi acustici e cercherò di farti comprendere come poter scegliere serenamente l’apparecchio acustico più adatto per la tua ipoacusia.

So che con ogni probabilità, se hai appena scoperto di soffrire di ipoacusia, potresti sentirti “spaesato” nell’affrontare questa situazione e non sapere come orientarti per scegliere la soluzione giusta per te. So che oggi sul mercato ci sono un’infinità di centri acustici e decidere qual è il più idoneo non è affatto semplice.

Proprio per questo ho deciso di scrivere questo articolo, così da darti dei primi strumenti per capire come funziona il mondo delle protesi acustiche e , perché no, anche capire se il tecnico audioprotesiste a cui ti sei rivolto ti vuol fregare o ti vuol davvero aiutare.

 

Come capire qual è l’apparecchio giusto per il tuo caso di ipoacusia?

Ovviamente la risposta completa e precisa a questa domanda te la potrà dare solo un audioprotesista, ma adesso provo a darti qualche prima indicazione che ti aiuti a capire meglio.

Innanzitutto bisogna conoscere qual è il vero obiettivo degli apparecchi acustici, successivamente ti occorre conoscere i vari tipi di apparecchi e le funzioni che svolgono.

In questo modo potrai già avere una prima idea del tipo di apparecchio acustico migliore per te.

 

A COSA SERVONO GLI APPARECCHI ACUSTICI

   Farti percepire i suoni in maniera più forte, senza però farli diventare sgradevoli.

Devono quindi riuscire a trasmettere il suono al tuo orecchio, nel modo più naturale possibile, senza farti avvertire distorsioni o fastidi. Va bene “alzare il volume” ma alzandolo troppo si ottiene l’effetto contrario.

 

   Fornire una amplificazione specifica dei suoni che percepisci in modo errato.

Per potenziare l’udito non basta amplificare tutti i suoi. Ogni tipo di degenerazione uditiva ha delle caratteristiche particolari che variano in base al paziente. Un apparecchio acustico di sufficiente qualità deve essere in grado di amplificare (tramite specifica regolazione) solo quella frequenza di suoni che non senti più come un tempo e lasciare inalterate le frequenze che percepisci senza fatica. Al contrario si rischia un, diciamo così, “impigrimento” del tuo orecchio, con una conseguente ulteriore perdita uditiva.

 

   Non farti sentire rumori di sottofondo quando sei solo o in compagnia.

Il suono deve essere percepito come pulito, senza disturbi e senza spiacevoli accavallamenti dei suoni di sottofondo. Così come un orecchio con un livello uditivo “normale” riesce a concentrarsi solo su un suono senza farsi distrarre troppo dal sottofondo, così un apparecchio deve deve dare la stessa possibilità ad un orecchio con un calo uditivo.

 

COME SCEGLIERE L’APPARECCHIO ACUSTICO MIGLIORE PER TE

Questi dispositivi sono estremamente personali, infatti devono essere scelti in base alle tue caratteristiche.
Alcuni dei fattori che bisogna prendere in considerazione sono:

Tipo di Ipoacusia
Grado di perdita uditiva
Età
Forma orecchio
Grandezza orecchio

In seguito alla valutazione di queste variabili, si inizia a delineare il tipo di apparecchio adatto.

 

QUALI SONO I DIVERSI TIPI DI APPARECCHI ACUSTICI

Esistono in commercio diversi tipi e modelli di apparecchi acustici, i quali possono essere raggruppati in 3 categorie principali

 

Apparecchio acustico Endoauricolare

Apparecchio Acustico Endoauricolare

Apparecchio Acustico Endoauricolare indossato

È applicato nella parte interna del condotto uditivo; è un apparecchio molto piccolo e praticamente invisibile. È prodotto sempre su misura per il tuo orecchio, e una volta indossato, è comodissimo e non stanca l’orecchio.

 

Apparecchio acustico Retroauricolare

Apparecchio Acustico Retroauricolare

Apparecchio Acustico Retroauricolare indossato

Questo dispositivo si applica al tuo orecchio esternamente. Un tubicino discreto e trasparente collega l’apparecchio con l’auricolare vero e proprio portando i suoni all’interno dell’orecchio. Si adatta completamente alla forma del tuo orecchio ed è facile da usare: dovrai solo inserire una piccola batteria e indossarlo ogni mattina. Puoi scegliere il colore esterno in base al colore dei tuoi capelli, così nessuno saprà che lo indossi.

 

Apparecchio acustico Ricevitore all’orecchio

Apparecchio Acustico Retroauricolare con ricevitore all'orecchio

Apparecchio Acustico Retroauricolare con ricevitore all’orecchio indossato

Questo innovativo apparecchio di ultima generazione è comodo, potente e assolutamente discreto. Questo modello ha una parte esterna che si trova dietro l’orecchio, e un altra direttamente nel tuo canale uditivo collegata da un sottilissimo tubicino trasparente. È semplicissimo da usare e si connette anche alla TV e al telefono cellulare.

 

Bene, ora che ti ho illustrato brevemente quali sono i tipi di apparecchi acustici e come funzionano, devo dirti qual è la caratteristica più importante per scegliere il giusto apparecchio acustico, in maniera consapevole e ragionata.

 

LA CARATTERISTICA PIÙ IMPORTANTE DA TENERE IN CONSIDERAZIONE

Per far si che ognuno di questi apparecchi possa potenziare correttamente il tuo calo d’udito, questi deve OBBLIGATORIAMENTE essere usati abbinandolo ad programma riabilitativo personalizzato.

L’apparecchio da solo non è risolutivo. Poiché come ogni strumento riabilitiativo, ha necessità di essere calibrato in maniera progressiva e costante. L’orecchio deve ovviamente avere il giusto tempo per abituarsi a questo nuovo aiuto e bisogna controllare che l’integrazione dello strumento non sia traumatica per il paziente.

Per questa ragione è indispensabile sempre affidarsi ad un audioprotesista esperto e qualificato che sia in grado di impostare un piano riabilitativo ed eseguire una perfetta regolazione dell’apparecchio in base al piano.

Come fare a capire allora, se un audioprotesista è qualificato o meno…innanzitutto non deve farti perdere tempo con finte prove, inutili e non efficaci. Metteresti mai una dentiera in prova? Ovvio che no. Stesso discorso vale per l’apparecchio acustico (se vuoi approfondire il motivo ti consiglio di leggere questo articolo)

In secondo luogo bisogna fare attenzione a come programma il tuo piano riabilitativo e a quanto tempo dedica alla regolazione dell’apparecchio.

Non dimenticare che il rischio più grande che corri nell’affidarti ad un non-professionista è un ulteriore aggravio della tua situazione. In particolar modo, ciò che ti potrebbe capitare se finissi in mani sbagliate sono:

   Dolori alle orecchie

   Peggioramento dell’ipoacusia

   Accentuazione degli acufeni

   Continuare a non sentire bene

Senza contare il danno al tuo portafoglio e l’inutile spreco di tempo che ne consegue.

 

Se in questo momento ti trovi nella spiacevole situazione di avere un ipoacusia conclamata e stai cercando di capire a chi rivolgerti per risolvere il tuo problema, non rischiare di danneggiare ulteriormente la situazione.

Qui da Acustica Tortorelli troverai solo professionisti seri e qualificati, ma soprattutto un metodo di lavoro unico che ti permetterà di potenziare subito il tuo udito e di godere di un piano riabilitativo su misura per te.

Con il nostro metodo “SUBITO SENTIRE sarai costantemente seguito e ci prenderemo cura del tuo orecchio con l’attenzione che meriti.

Share
No Comments

Post a Comment